Categorie: Politica&diritti

Orlando: “Chiedo scusa a Sergio Lo Giudice, a nome del partito e mio personale”

“Mi scuso con Sergio Lo Giudice a nome del mio partito. E mi scuso anche a nome personale perché in quanto leader dell’area a cui fa riferimento, non sono stato capace di difendere la sua ricandidatura”. Così ha dichiarato il ministro Andrea Orlando ha sulla vicenda della mancata candidatura del senatore uscente Sergio Lo Giudice nelle liste del Pd. “Questa legge (quella sulle unioni civili, ndr) si chiama Cirinnà, ma dovrebbe chiamarsi Cirinnà – Lo Giudice” ha aggiunto, strappando un lungo applauso alla platea che lo ascoltava ieri pomeriggio nella sede del Circolo Mario Mieli di Roma dove Orlando ha voluto incontrare la comunità lgbt.

“Tre giorni davanti ad una porta”

“Non candidare Lo Giudice è come non aver candidato Loris Fortuna dopo che è passata la legge sul divorzio – ha continuato -. L’impegno non è mancato: abbiamo aspettato per tre giorni davanti a una porta in attesa che ci ricevessero”. Poi, incalzato dalle domande sulla credibilità del partito proprio sulle candidature ha aggiunto: “Sono stato educato a difendere il mio partito sempre e comunque, anche quando è indifendibile. Ma a dire che è stato meglio candidare Casini che Sergio, proprio non ce la faccio”.

“Nuove candidature sulla linea del partito”

Ma per Orlando l’assenza di Lo Giudice, ma anche di Manconi e Lumia, dalle liste a fronte dell’alleanza con Casini e Lorenzin, non deve essere letta come un pericolo rispetto alle posizioni del Pd sui diritti civili. “C’è stato un ricambio generazione – ha osservato – che fa ben sperare e le nuove candidature condividono le impostazioni del Pd sui diritti”.

“Ci ricorderemo delle vostre promesse”

Un incontro partecipatissimo, quello al Mieli, durante il quale molto si è parlato degli attacchi di questi giorni proprio alle unioni civili e di quale futuro si prospetta per la battaglia sui diritti civili con la prossima legislatura. “Una battaglia che deve continuare – ha sottolineato il presidente del Mieli, Sebastiano Secci – e noi vigileremo. La politica fa la politica, ma noi facciamo movimento”. “Aspettiamo la chiusura dei programmi – ha proseguito – e ci ricorderemo delle promesse che ci state facendo ora. E sappiamo essere molto fastidiosi”.

“Bisogna vigilare sui diritti e rilanciare”

Sergio Lo Giudice, accolto calorosamente dalla comunità, ha sottolineato quanto siano “insopportabili gli attacchi che puntano a tornare indietro sui diritti”. “Questo ci ricorda che i diritti non sono conquistati per sempre – ha proseguito -: bisogna tenere alta l’attenzione. Certo, i tanti piccoli passi fatti in questa legislatura delineano un confine dal quale è difficile tornare indietro, ma non ci aspettiamo solo la loro tutela, dalla prossima legislatura. Dobbiamo rilanciare. Abbiamo un mastino da guardia come Monica (Cirinnà, ndr), ma serve lo stimolo e la collaborazione delle associazioni”.

Le parole d’ordine

Matrimonio, legge contro l’omofobia, adozioni e riconoscimento della genitorialità delle coppie gay e lesbiche alla nascita dei figli sono state le parole d’ordine condivise da Lo Giudice e dalla senatrice Cirinnà, sebbene il programma del Pd non sia ancora noto. “Deve essere chiaro che quando parliamo di coppie omosessuali – ha incalzato Cirinnà – non parliamo di coppie e di persone sterili che possono solo adottare”. “Avremo altri attacchi e tentativi di smantellare la legge – ha aggiunto – e avremo bisogno di una spinta fortissima. Il movimento resti avanguardia”.

“Basta stepchild adoption”

Un punto su cui sia Secci che la presidente di Famiglie Arcobaleno Marilena Grassadonia hanno insistito: “Le stepchild adoption sono roba vecchia, non ci interessano” ha ripetuto il presidente del Mieli. E Grassadonia ha ribadito: “Non siamo genitori di serie B: non sono più una richiesta. In realtà non lo sono mai state. Noi siamo genitori dei nostri figli a prescindere dal legame che c’è tra i partner della coppia”.

Fermare la politica reazionaria

“Ci approcciamo a una stagione che segna sempre i passi in avanti – ha aggiunto Orlando -, come dopo la legge sul divorzio, quando ci fu una recrudescenza di certa politica reazionaria. Oggi il momento è anche peggiore di allora. Dobbiamo mettere da parte l’amarezza per evitare che questa marea montante possa scalfire i risultati raggiunti. L’unica forza che può fermare questa marea, per come si sono messe le cose, è il Partito Democratico”.

L’unità dell’Italia laica e progressista

Un invito all’unità è arrivato dall’europarlamentare Daniele Viotti. “L’unità dell’Italia laica e progressista, al di là di partiti e coalizioni – ha specificato -. Questi si definiscono moderati, ma sono loro i peggiori estremisti. Loro che attaccano i diritti e diffondono odio, non noi. Non il movimento che ha dimostrato di saper comprender quando era il momento di supportare una legge, che pure non era quella che era stata chiesta”.

Le unioni civili: una legge garantita dalla Costituzione

Una legge che, ha spiegato il giurista Angelo Schillaci, coordinatore di Dems Arcobaleno, che “è una legge ordinaria e quindi può essere smantellata”. “Ma – ha spiegato – sarebbe un vulnus costituzionale. Le unioni civili non sono arrivate dal nulla, ma su sollecitazione della Corte dei Diritti Umani e della nostra Corte costituzionale che ha detto che il legislatore può scegliere come riconoscere le coppie dello stesso sesso, ma non gli ha lasciato la libertà di non farlo”.

Un pericolo reale

Per questo, secondo Schillaci, “un’eventuale abrogazione o anche solo una modifica che la peggiori, finirebbero in breve tempo davanti alla Corte che ne riconoscerebbe l’incostituzionalità”. Il pericolo, però, esiste perché “in cinque anni in quel palazzo ho imparato che quello che al giurista sembra impossibile, in parlamento può diventarlo” ha aggiunto Lo Giudice.

Ecco il video completo dell’incontro, realizzato da Radio Radicale:

Elezioni 2018 – speciale diritti civili: tutto quello che c’è da sapere prima del 4 marzo

Condividi

Articoli recenti

“They” è ufficialmente pronome non binario: lo dice il Merriam-Webster

Giornata storica per la grammatica e per la lotta alle discriminazioni. Il più antico dizionario americano, il Merriam-Webster, ha ufficialmente…

18 settembre 2019 12:00 PM

Coppia gay aggredita e sequestrata in chiesa per convertirla

Una coppia gay sarebbe stata attaccata dai fedeli di una chiesa nel tentativo di convertirli all’eterosessualità. È successo a Blackwell,…

18 settembre 2019 11:47 AM

Cara Delevigne: «Weinstein disse “da lesbica non farai carriera”»

Anche l'attrice ed ex modella Cara Delevigne tra le vittime illustri di Weinstein. La sua omosessualità come motivo di molestie.

17 settembre 2019 4:27 PM

Anche Roma molla ArciLesbica: nasce Differenza Lesbica Roma

A quasi due anni dal congresso che ha visto vincente la mozione "A mozioni estreme, lesbiche estreme" un altro circolo…

17 settembre 2019 11:55 AM

Mike Pence sarà relatore a un evento omofobo: è polemica

Dopo essere stato accolto praticamente da nessuno in Irlanda e da centinaia di arcobaleni - tra cui quello del primo…

16 settembre 2019 9:05 PM

Gareth Thomas costretto a un secondo coming out: è sieropositivo

Gareth Thomas, ex giocatore gallese di rugby, è stato costretto a uscire allo scoperto come siero positivo. In un documentario…

16 settembre 2019 5:02 PM