Categorie: News

Manifesti omofobi di ProVita, Raggi: “Rimuoveteli, offendono tutti i cittadini”

“La strumentalizzazione di un bambino e di una coppia omosessuale nell’immagine del manifesto offendono tutti i cittadini”. Lo dichiara la Sindaca di Roma, Virginia Raggi, in merito ai manifesti omofobi comparsi in città. Dopo la sua collega di Torino, Chiara Appendino, che si era pronunciata immediatamente, anche Raggi si esprime sui manifesti di ProVita. Nelle scorse ore, diverse sollecitazioni erano arrivate dall’opposizione in Campidoglio. Pochiminuti fa la nota del Campidoglio.

“Violano il regolamento”

Famiglie Arcobaleno al Roma Pride

“La Sindaca – si legge in una nota del Campidoglio diffusa dalle agenzie – ha richiesto agli uffici competenti la rimozione dei manifesti omofobi riconducibili all’associazione onlus Provita. Il messaggio e l’immagine veicolati dal cartellone, mai autorizzato da Roma Capitale e dal Dipartimento di competenza, violano le prescrizioni previste al comma 2 dell’articolo 12 bis del Regolamento in materia di Pubbliche affissioni di Roma Capitale – conclude il comunicato – che vieta espressamente esposizioni pubblicitarie dal contenuto lesivo del rispetto di diritti e libertà individuali”.

La soddisfazione delle associazioni Lgbt

Esultano le associazioni Lgbt romane e nazionali: «Grazie all’impegno congiunto del Circolo Mario Mieli e Famiglie Arcobaleno» riporta un comunicato firmato da Marinela Grassadonia e Sebastiano Secci, «l’ignobile campagna omofoba di Provita Onlus contro le famiglie arcobaleno è stata finalmente ritirata. Quei manifesti rappresentano un’offesa non solo per le persone Lgbt+ e le loro famiglie ma per la cittadinanza tutta». Per i rappresentanti delle due associazioni quelle immagini «sono l’ennesimo tentativo di ProVita di alzare l’asticella della comunicazione per ottenere visibilità». Gioco ormai scoperto, secondo i due rappresentanti.

 

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020