Categorie: News

Il Brasile decreta “provvisoriamente” l’omofobia reato. Riprende il dibattito

La Corte Suprema del Brasile ha deciso – con otto voti contro tre – di rendere reato penale l’omofobia, un provvedimento molto importante in un Paese che conta il più grande numero di omicidi di persone LGBT.

Provvisoriamente

Il Tribunale Federale Supremo (Stf) ha provvisoriamente decretato che l’omofobia è equivalente al reato di razzismo, attendendo che il Congresso – attualmente a maggioranza conservatrice e sotto forte influenza delle chiese evangeliche – elabora una legge specifica per reprimere questo tipo di discriminazione.

Dietro un pregiudizio una violenza

“Ogni pregiudizio rappresenta una violenza”, ha dichiarato Carmen Luzia, giudice del Stf, per spiegare il suo voto favorevole. “Ogni discriminazione è motivo di sofferenza”, ma alcuni pregiudizi provocano maggiori sofferenze di altri, perché sono ferite che colpiscono la persona nella sua casa, che separano i genitori dai figli, [che separano] i fratelli, gli amici, per il semplice fatto di tentare di vivere qualcosa che si presenta come naturale”, ha detto questo giudice.

Le critiche di Bolsonaro

Il mese scorso l’alta corte, a maggioranza di sei voti a undici, si era già espressa a favore della proposta avanzata da diverse sigle, politiche e non, di rendere l’omofobia e la transfobia un reato penale al pari del razzismo. Una presa di posizione che è stata criticata dal presidente della Repubblica, Jair Bolsonaro, secondo il quale una decisione in merito spetta a deputati e senatori, e non ai giudici. Da parte sua, la Corte suprema ha ribadito di aver agito a causa dell’omissione del Congresso ad approvare una legge in materia, stabilendo che il già esistente reato di razzismo sia esteso ai casi di aggressione nei confronti della comunità Lgbt finché la normativa non passi anche in Parlamento.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020