Categorie: News

Gasparri e Giovanardi denunciano la giudice delle stepchild adoption

Carlo Giovanardi, Eugenia Roccella, Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello. Sono queste le firme più note in calce all’esposto presentato da quindici parlamentari della Repubblica contro la giudice Melita Cavallo, ora in pensione, ex presidente del Tribunale per i minorenni di Roma e firmataria delle sentenze che hanno riconosciuto la genitorialità alle coppie gay e lesbiche nei primi casi di stepchild adoption per coppie gay della storia italiana.
Secondo i parlamentari di Movimento Idea, Forza Italia e Conservatori e Riformisti, la giudice potrebbe essere colpevole di “abuso di diritto”. Tra tutte quelle firmate dalla giudice Cavallo, è l’ultima quella che sentori e deputati di destra non hanno digerito, ovvero la prima che riconosce la genitorialità ad una coppia di uomini e che, tra l’altro, è anche la prima ad essere passata in giudicato senza che la Procura ricorresse in Appello, diventando così definitiva (qui potete leggere i dettagli della sentenza in questione).

La giudice Melita Cavallo

L’esposto, sporto contro Melita Cavallo e i giudici del Tribunale per i minori di Roma e accompagnato da un’istanza al Procuratore generale presso la Corte di Cassazione, è stato presentato dai parlamentari durante una conferenza stampa in Senato.
“È nostro dovere – hanno spiegato i parlamentari- utilizzare ogni strumento che l’ordinamento mette a nostra disposizione per contrastare violazioni della Costituzione e decisioni della magistratura assunte ‘contra legem’. L’esercizio della giurisdizione deve essere sempre compiuto nel rispetto e nella sottoposizione della legge (art. 101 della Carta findamantale)”. Secondo quanto riporta l’agenzia Dire, nell’esposto i firmatari chiedono di “verificare se la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minorenni di Roma abbia svolto senza omissioni o negligenze le funzioni ad essa attribuite dalla legge, in particolare con riferimento alla mancata impugnazione di una pronuncia palesemente e gravemente illegittima“.

Va precisato che la sentenza è stata emessa sulla base dell’attuale legge sulle adozioni e in particolare della lettera d) dell’art. 44 della legge 184/83, la stessa su cui si basano anche le pronunce precedenti che, però, avevano riconosciuto il diritto all’adozione del figlio del partner solo a coppie di donne.
In questo caso, invece, si trattava di una coppia di uomini che hanno avuto un figlio ricorrendo alla gestazione per altri in Canada. Ed è proprio contro le coppie di padri gay e la gpa che rappresentanti dei partiti di destra come Giovanardi, Gasparri e Quagliariello si sono scagliati con più forza durante il dibattito sulla legge sulle unioni civili in Senato.

Condividi

Articoli recenti

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad…

16 gennaio 2020

“Le Sardine sbagliano Matteo”: come nasce lo shitstorm in rete

Il portavoce delle Sardine ha criticato Renzi in tv. E le reazioni dei supporter non sono state bellissime...

15 gennaio 2020

Nel mondo le donne lesbiche sono viste più positivamente degli uomini gay: lo rivela uno studio

Secondo uno studio condotto in 23 paesi sia occidentali che orientali, le donne lesbiche subiscono meno pregiudizio degli uomini gay

14 gennaio 2020

Chi era Alfredo Ormando, il gay che si diede fuoco a San Pietro

Ricordiamo l'anniversario della scomparsa del poeta omosessuale: un dito puntato contro l'omofobia della Chiesa.

13 gennaio 2020