Gay a destra: ecco perché votano i partiti anti-lgbt dimenticando la comunità

Nei paesi occidentali gli omosessuali votano a destra.
Lo studio a firma di Samuel Huneke della Stanford University ha analizzato il voto LGBT di cinque paesi occidentali USA, Regno Unito, Francia, Germania e Brasile.
Solo negli Stati Uniti la comunità LGBTI ha sostenuto in maniera evidente i Democratici, mentre il voto di moltissimi gay omosessuali degli altri paesi ha ingrossato le file dei conservatori e dei partiti di estrema destra.
“Solo il 7% degli elettori LGBT si è dimostrato scettico sul sostenere un partito conservatore (o in alcuni casi di estrema destra)” scritto Huneke su LA Review of Books.

Fondamentale il voto gay

Ma sono gli uomini gay a sorprendere: “In molti di questi paese gli uomini gay sono più propensi rispetto all’elettorato generale a sostenere un partito conservatore o di estrema destra”

Nel 2018, durante le elezioni di mid-term, l’elettorato LGBT statunitense ha votato per il Partito Democratico con una percentuale dell’82%.
“Ma” spiega Huneke “praticamente in nessun altro paese i gruppi LGBT e i partiti di sinistra hanno forgiato un’alleanza duratura o fruttuosa. In molti altri paesi occidentali, i partiti di destra e dichiaratamente omofobi godono di un considerevole sostegno tra gli elettori gay”

Basta pensare al Brasile: qui il 29% degli elettori LGBTI ha votato per il candidato Jair Bolsonaro, omofobo dichiarato.
Se ci spostiamo in Francia un sondaggio del 2015 mostrava che il 26% degli elettori gay e bisessuali sosteneva la leader del Front National Marine Le Pene, anti-LGBT.

Il privilegio che fa dimenticare la comunità

C’è una logica, spiega Huneke, su questa marcia indietro: “Come Michael Segalov ha scritto su The Independent nel 2017. Gli uomini gay “hanno iniziato a buttare sotto un tir quelli che hanno meno status di loro”, si sono “aggrappati a un privilegio ritrovato”. Il diritto di sposarsi, le discriminazioni ridotte. “Gli uomini gay” spiega lo studioso” adesso votano come uomini e basta cioè in maniera opportunista. Un voto che mostra che solo alle spese dei più deboli ci si costruisce un futuro, ciascuno il suo e pazienza per chi non ha le possibilità.
“Intanto le lesbiche e le persone trans continuano ad affrontare, ostacoli legali e sono gli unici che possono continuare a sperare in un sostegno da parte della sinistra”

Condividi

Articoli recenti

Napoli, donna trans picchiata e buttata in un tombino

Una donna trans è stata picchiata e rinchiusa in un tombino, a Napoli. Un'aggressione transfobica di una violenza inaudita che…

16 dicembre 2019

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È…

13 dicembre 2019

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le…

13 dicembre 2019

Aveva raccontato le terapie riparative: donna lesbica trovata senza vita

Prime le terapie riparative, poi il ricovero per autolesionismo. Alan Chen aveva raccontato la sua storia al Denver Post ad…

13 dicembre 2019

Hallmark, lo spot di wedding planning non è piaciuto alle mamme cristiane

Questo Natale è crollato uno dei più grandi bastioni dell’eteronormatività: il canale televisivo statunitense Hallmark. A scatenare le ire degli…

12 dicembre 2019

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019