Categorie: News

FVG, in arrivo 100.000 euro per alimentare gli stereotipi di genere

Un altro passo indietro verso il medio evo: è quanto si appresta a fare la Regione Friuli Venezia Giulia, che sta investendo ben centomila euro per un l’istituzione «di una rete delle pubbliche amministrazioni per scambiare buone pratiche e promuovere il valore della diversità tra uomo e donna quale elemento essenziale per lo sviluppo e la coesione sociale». Tradotto in altri termini: per spendere tutto quel denaro pubblico al fine di promuovere stereotipi di genere, maschilisti e sessisti.

La denuncia dall’opposizione del

Chiara Da Giau

La denuncia arriva dalla consigliera regionale del Chiara Da Giau, che dichiara: «Il progetto in questione va evidentemente a sostituire quello Ready, annullato dalla Giunta regionale come primo atto del suo insediamento». L’esponente del Pd fa altresì notare che i quattordicimila euro stanziati per la lotta alle discriminazioni delle persone Lgbt «sembra fossero troppi» mentre «per il centrodestra è molto più utile spendere centomila euro per capire come meglio insegnare i classici stereotipi sui ruoli di genere: l’economia domestica alle femminucce e i giochi di guardie e ladri ai maschietti».

Far finta di non vedere significa essere complici

La consigliera conclude, nella sua dichiarazione: «fare finta che tante persone non esistano, che non esistano i loro diritti, che non esista la loro legittima aspirazione ad affermare se stessi per quello che sono, equivale a rinchiuderle in un ghetto». Ghetto giustificato, «da un colpevole e ipocrita richiamo ai valori della tradizione cattolica». Inoltre, «tacere su questo, non pesare le conseguenze di tali azioni, vuol dire esserne correi. Non c’è punto percentuale di consenso che potrebbe giustificare tale silenzio alle coscienze né oggi, né in futuro».

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020