I cinque deputati berlusconiani che votano sì alle unioni civili

In una conferenza stampa terminata poco fa alla Camera dei Deputati, cinque onorevoli di Forza Italia hanno annunciato che voteranno sì al ddl sulle unioni civili, anche se Renzi ha annunciato la fiducia. Sono Mara Carfagna, Stefania Prestigiacomo, Elio Vito, Renata Polverini e Nunzia De Girolamo.

“Il partito riconosce libertà di coscienza – ha spiegato Mara Carfagna -, il gruppo voterà no, ma all’interno della libertà di coscienza il nostro non può che essere un voto favorevole”. “Il testo è scritto male, con riferimenti normativi sbagliati, la parte sulle convivenze eterosessuali ci lascia perplessi – ha continuato la deputata -, ma colma un vuoto politico non più compatibile col rispetto dei diritti fondamentali della persona. È un testo su cui il presidente del consiglio vuole mettere la fiducia, quindi è un testo blindato, trasformato in un ring. Ma ci troviamo davanti a diritti sacrosanti, a sofferenze, a discriminazioni e pregiudizi che le persone vivono sulla loro pelle. Per questo, nonostante tutto, facciamo prevalere il nostro buon senso”.

“Non vogliamo trasformare i diritti civili in uno scontro politico né in uno scontro ideologico – ha concluso Mara Carfagna -. Rispetto a chi sostiene che si indebolisce la famiglia, facciamo un sorriso e rispondiamoc he non è così: riconoscere diritti a chi non ne ha non significa privare la famiglia dei diritti di cui oggi la famiglia gode e neanche del significato valoriale della famiglia. Questa legge è è una rosa con tantissime spine, ma una rosa c’è. Quella dei diritti civili”.

La parte più osteggiata della legge, da parte del partito di Berlusconi, era quella che riguardava i diritti dei bambini delle coppie omosessuali, ma com’è noto le stepchild adoption sonos tate stralciate in Senato e qella parte non esiste più.

Condividi

Articoli recenti

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020