I figli delle coppie gay e lesbiche sono diversi? Sì e un video spiega perché

Il video che vedete qui sopra è opera di Cultura Colectiva (una piattaforma messicana che si occupa principalmente di arti visive) e pubblicato sulla loro fan page ufficiale a Natale. La clip è diventata virale e conta, ad oggi, più di 95 mila condivisioni su Facebook. L’intento è quello di smontare tutti i luoghi comuni e le bugie che circolano riguardo ai presunti problemi dei bambini che crescono con due padri gay o due mamme lesbiche.

Cosa dice il testo che compare nel video?

“I figli di padri gay o madri lesbiche sono davvero diversi – inizia il video -. Uno studio realizzato in un arco di tempo di venti anni ha dimostrato che hanno gli stessi problemi emotivi degli altri ragazzi, ma che si differenziano per avere: una migliore stabilità psicologica, migliori risultati scolastici, meno problemi comportamentali e di aggressività, uno sviluppo sociale più sano e maggiore stabilità emotiva. I figli delle famiglie omoparentali di solito sono sani e felici. Sono compromessi solo quando sono esposti alla violenza omofobica. Se loro non sono danneggiati dalla sessualità dei loro genitori, perché la società lo è?”.

A quale studio si riferisce il video?

Lo studio a cui si riferisce il video è quello condotto dalla statunitense National Longitudinal Lesbian Family Study. Dagli anni ’80, l’organizzazione segue lo sviluppo dei figli di coppie lesbiche avuti tramite la fecondazione eterologa e che potete leggere per intero sul sito dell’organizzazione.
Il video non intende stabilire se ci sono modelli parentali e familiari migliori di altri. L’unico scopo è smentire pregiudizi e discriminazioni ancora molto forti nei confronti delle famiglie arcobaleno.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020