Categorie: News

Questi dieci genitori di persone LGBT hanno fatto la storia in India

Per la prima volta nella storia dell’India, questi genitori di persone LGBT+ si sono incontrate in uno workshop a porte chiuse per scambiarsi esperienze, confrontarsi e stabilire insieme un progetto da attuare per il futuro. È un embrione di associazione di genitori, che in altri paesi esistono da molto tempo, ma che per l’India rappresenta un’esperienza nuova e molto importante.

Tutto nasce da un film

Secondo quanto riporta LGBTWeekly, il workshop è stato organizzato da Solaris Pictures nell’ambito di un processo di coinvolgimento della comunità lgbt locale e dei genitori necessaria alla realizzazione del film Evening Shadows del regista Sridhar Rangayan. Obiettivo dell’incontro era lo sviluppo di strategie per un gruppo di supporto tra genitori che vogliono aiutarsi a vicenda e aiutare altri genitori che potrebbero avere bisogno di informazioni e di confrontarsi tra pari. Ma lo scopo è anche formare un gruppo che abbia visibilità mediatica e nella società indiana.
Al workshop hanno partecipato dieci madri e padri.

Il sogno di una casa di accoglienza

“Questo incontro formale è l’inizio per molti altri inizi – ha dichiarato Padma Iyer, madre dell’attivista Harris Iyer -. Il mio desiderio è creare un gruppo facilmente accessibile ad altri genitori e figli che non sono ancora venuti allo scoperto. La speranza, un giorno, è che siamo in grado di costruire una casa di accoglienza per i ragazzi che sono costretti a scappare di casa. In questo modo tutti noi potremo diventare i loro genitori adottivi”.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020