Categorie: News

Confermato il sequestro a Bari della sede di Casapound: “Metodi fascisti”

Porte sigillate per i fascisti del terzo millennio a Bari.
“La strategia violenta di repressione di gruppi portatori di una diversa ideologia politica” messa in atto durante l’aggressione ai manifestanti antifascisti al termine della manifestazione anti Salvini il 21 settembre scorso, “richiama indubbiamente il metodo fascista”: è questa la motivazione con cui il Tribunale del Riesame di Bari ha disposto che la sede barese di Casapound resti sotto sequestro.

Il precedente

I fatti sono noti. Dopo una manifestazione di protesta anti-razzista contro il ministro degli Interni Matteo Salvini, organizzata dai militanti dell’ex Caserma Liberata nel quartiere Libertà, tre persone furono aggredite da un gruppo di militanti neofascisti di CasaPound. I feriti: Giacomo Petrelli, militante di Alternativa Comunista, Antonio Perillo, assistente parlamentare dell’eurodeputata di Rifondazione Comunista Eleonora Forenza (presente al momento dell’aggressione) e Claudio Riccio, di Sinistra Italiana.

La motivazione dei giudici

La decisione è stata presa dal collegio presieduto dal giudice Giuseppe Battista il 25 gennaio. Si regge sulle immagini delle telecamere di via Eritrea e delle zone limitrofe, sulle dichiarazioni delle vittime dell’aggressione e di alcuni testimoni nonché una serie di riscontri investigativi, come il ritrovamento di alcuni oggetti usati per la spedizione punitiva nella sede e di libri e materiale inneggianti al fascismo e al nazismo nelle abitazioni di alcuni indagati.

35 persone coinvolte

Sono trentacinque le persone coinvolte e a tutte viene contestata l’apologia del fascismo. Mentre a dieci anche l’accusa di lesioni. E se la difesa ha evidenziato come i militanti non avessero “posto in essere condotte punitive preordinate né manifestazioni usuali del disciolto partito fascista”, chiedendo il, dissequestro, i giudici del Riesame hanno invece ritenuto che “la violenza delle condotte dei militanti, le lesioni provocate, il ricorso al metodo squadrista desumibile anche dai rilievi fotografici, la programmazione dell’azione il giorno in cui si sarebbe svolta la manifestazione da parte di un movimento sostenitore di un ideologia antagonista” dimostrano che “c’è un pericolo concreto e attuale di riproposizione di quel partito fascista”.

Manubri, busti di Hitler e Mussolini

Ma non solo. Nella sede sono stati ritrovati i manubri usati per l’aggressione e da quei locali ha avuto origine la spedizione punitiva e li sono tornati gli aggressori. “Non si esclude – dicono i giudici – che la stessa sede, in differenti occasioni, sia stata e possa continuare ad essere sede di manifestazioni del disciolto partito fascista”. La sede era inoltre arredata con un busto di Benito Mussolini, una bandiera della X Mas e il Mein Kampf di Adolf Hitler.

Condividi

Articoli recenti

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020