10 cose che devi assolutamente sapere sulle unioni civili

Sulle unioni civili si è molto discusso, anche dopo l’approvazione della legge, per capire cosa davvero il testo consentisse e cosa no. Complici anche i ritardi, del decreto ponte prima e dei decreti attuativi poi, non è stato sempre facile districarsi nella nuova legge. Ora che tutto l’iter è definitivamente concluso, facciamo chiarezza in 10 punti. Eccoli.

1. Chi può usufruire dell’istituto delle unioni civili?

La legge 76/2016 prevede che le unioni civili siano riservate alle sole coppie gay e lesbiche formate da persone maggiorenni, non sposate (o unite civilmente) o parenti o in stato di interdizione.

2. La legge 76/2016 regola solo le unioni civili?

No, la legge regolamenta anche, a partire dal comma 36 del testo, alcuni diritti riservati alle coppie di fatto conviventi, sia eterosessuali che omosessuali.

3. Come si svolge la cerimonia delle unioni civili?

Avviene davanti alla presenza di un ufficiale di stato civile e due testimoni e il decreto legislativo 5/2017 ha chiarito che la cerimonia deve avere le stesse formalità (fascia tricolore, sale delle celebrazioni etc…). A differenza del matrimonio non è necessario fare le pubblicazioni in Comune prima di procedere ad unione civile.

4. Un sindaco può fare obiezione di coscienza e rifiutarsi di celebrare un’unione civile?

No, il Sindaco, in quanto pubblico ufficiale, ha l’obbligo di far unire civilmente due persone e se non vorrà farlo personalmente potrà al più delegare altri a celebrare; ma in nessun caso potrà impedire l’unione civile, altrimenti commetterebbe un reato e sarebbe perseguibile penalmente.

5. Quali sono i diritti che si acquisiscono con le unioni civili?

Per un espresso rimando sono tutti gli stessi diritti (e doveri) previsti dal contratto matrimoniale, ad eccezione della sfera relativa alla genitorialità. Per intenderci dunque si ottengono diritti ereditari, diritto al mantenimento, pensione di reversibilità, assistenza sanitaria, trattamenti fiscali etc.

6. E la genitorialità?

La legge sulle unioni civili espressamente non estende alle coppie unite civilmente i diritti e le facoltà riservate alle coppie sposate in tema di genitorialità. Mentre, ad esempio, i figli nati in costanza di matrimonio diventano automaticamente figli della coppia, i figli nati in costanza di unione civili diventano figli solo del genitore biologico. Inoltre una coppia unita civilmente non può accedere all’adozione di un bambino o alle tecniche di procreazione medicalmente assistite in Italia.

7. Dunque è vietata la stepchild adoption?

No. La stepchild adoption (adozione del figlio del partner) contrariamente a quanto si sperasse non è stata inserita nel testo finale della legge, ma allo stesso tempo non è stata nemmeno vietata. E infatti diversi Tribunale hanno proseguito nel solco già tracciato nel tutelare l’interesse dei minori.

8. A parte la genitorialità, ci sono altre differenze con il matrimonio?

Le altre differenze sono minime se paragonate alla questione genitorialità. Fra queste ricordiamo il venir meno dell’obbligo di fedeltà fra le parti, la possibilità per la coppia di scegliere un cognome comune (in parte svuotata però dal decreto legislativo 5/2017) e infine il divorzio diretto breve (in 3 mesi) senza necessità di accedere prima all’istituto della separazione.

9. Un cittadino straniero può unirsi civilmente con un italiano? Che documenti servono? Acquisirà gli stessi diritti di un coniuge?

Si certo è possibile e acquisisce gli stessi diritti che si acquisiscono con il matrimonio, dal permesso di soggiorno fino alla cittadinanza. Oltre ai normali documenti previsti per i cittadini italiani sarà necessario anche avere un nulla osta per contrarre l’unione civile. Essendoci difficoltà ad ottenere questo nulla osta in alcuni paesi (che non prevedono unioni civili o nei quali addirittura l’omosessualità è reato) il decreto legislativo n.7/2017 ha previsto la possibilità di dimostrare che nulla osta all’unione civile con qualunque altro atto e perfino con un’autodichiarazione.

10. E le coppie italiane che si erano già sposate o unite civilmente all’estero?

Non potranno unirsi civilmente e dunque procedere alla cerimonia, ma potranno invece trascrivere il matrimonio (o l’unione civile) che hanno contratto all’estero, che avrà effetti di unione civile in Italia.

Se avete ancora dubbi o avete bisogno di un chiarimento sulla vostra situazione scriveteci a info@gaylex.it

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020