Categorie: NewsVideo

L’agghiacciante videogioco con l’Isis che ammazza i gay

Forse l’intento era buono: far conoscere a quante più persone possibile le orrende esecuzioni che l’Isis riserva alle persone, specialmente uomini, che ritiene che siano gay. Il risultato, però, è alquanto discutibile. Come sapete, l’Isis “giustizia” i gay o presunti tali lanciandoli dai tetti dei palazzi e finendoli, una volta a terra, tramite lapidazione. Milo Tosser, questo il nome del gioco sviluppato da un programmatore britannico, prevede che l’utente calibri la forza a prenda la mira per lanciare un gay dal tetto di un palazzo. Più persone si colpiscono volando giù, più punti si ottengono. Il gay, comunque, muore in ogni caso dopo essere stato lanciato, al grido di Allah Akbar, da un tetto con tanto di bandiera arcobaleno sopra.

Il video gioco ha comprensibilmente provocato molte reazioni indignate: da una parte si teme che possa alimentare l’islamofobia anche nella gay community, dall’altra che possa fomentare qualche estremista islamico con simpatie nei confronti dell’Isis. Ecco il trailer del gioco che, per ora, prevede tre livelli.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020