Unioni civili: ecco cosa prevede il calendario della Camera

Il tentativo è quello di chiudere la questione entro il 13 maggio, data in cui l’aula della Camera dei Deputati dovrebbe votare la legge sulle unioni civili. È quanto prevede il calendario ufficiale approvato dalla conferenza dei capigruppo. Com’è noto, la discussione inizierà il 9 maggio a partire dalla seduta pomeridiana delle 15.30. Proseguirà, poi, il 10, l’11 e il 12 maggio ed è previsto che, nel caso in cui giovedì 12 non si sia ancora giunti al voto finale, si continui anche venerdì 13. Per il 9 maggio, inoltre, c’è la possibilità che la seduta continui in notturna.

Intanto si attende il parere delle commissioni interpellate, che sono nove e non hanno ancora reso pubblico il loro pronunciamento sul testo licenziato dalla commissione Giustizia senza alcuna modifica rispetto alla versione uscita dal Senato con il voto di fiducia. La legge, quindi, dovrebbe essere approvata in via definitiva entro il 13 maggio per poi passare alla firma del presidente Mattarella.

Formalmnente, la norma entrerà in vigore 15 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, ma a renderla operativa saranno i decreti attuativi che indicheranno ai sindaci la corretta procedura per la registrazione delle unioni civili. Un iter, questo, che potrebbe richiedere qualche mese. Le previsioni più ottimistiche parlano della celebrazione delle prime unioni civili ad ottobre 2016.

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019