In News, Politica&diritti

“Se avessi un figlio gay, lo brucerei nel forno. Era il 10 febbraio 2016 e a pronunciare quelle parole -sempre smentite dall’interessato- fu il consigliere regionale ligure Giovanni De Paoli (Lega) nel corso di un incontro con Agedo Genova (associazione di genitori di omosessuali. Si sollevò un vespaio e una senatrice del Partito Democratico denunciò il caso a Palazzo Madama, nel cuore del dibattito sulle unioni civili.

Due anni dopo, la sostituta procuratrice Patrizia Petruzziello ha chiesto il rinvio a giudizio per De Paoli con l’accusa di diffamazione aggravata dall’odio discriminatorio. Gli avvocati di Gay Lex, intervenuti per conto del Comitato per gli immigrati e contro ogni forma di discriminazione, avevano infatti richiesto di applicare il principio la legge Mancino. La norma, sebbene non faccia riferimenti espliciti a discriminazioni a causa dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere, prevede aggravanti nel caso di reati per motivi razziali, etnici o religiosi.

Il caso passa quindi fra le mani del giudice per l’udienza preliminare che dovrà decidere se rinviare a giudizio o prosciogliere De Paoli.

Approfondimento: Omofobia e transfobia, cosa dice la legge?

Leave a Comment

0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca