Categorie: News

Tunisia: niente più test anali per “provare” l’omosessualità

“Questi esami non potranno più essere imposti con la forza, fisica o morale, o senza il consenso della persona interessata”. Con queste parole, al ritorno da Ginevra, il ministro tunisino per i rapporti con le istanze costituzionali, la società civile e i diritti dell’Uomo della Tunisia, Mehdi Ben Gharbia, ha annunciato la fine dei test anali per “provare” l’omosessualità delle persone.
Con questa decisione, la Tunisia accoglie alcune delle raccomandazioni del Consiglio per i diritti umani dell’Onu che aveva definito questi test “atti di tortura”.

La depenalizzazione, all’orizzonte

In Tunisia, l’omosessualità è ancora punita con pene fino a tre anni di reclusione. Ma il ministro non si è limitato a dichiarare la fine degli odiosi test. Ha aggiunto che il suo paese “impegnato a proteggere la minoranza sessuale da qualsiasi forma di stigmatizzazione, discriminazione e violenza”. Questo presuppone la fine della criminalizzazione dell’omosessualità. Un passo che, però, no avverrà semplicemente abolendo la legge. Il ministro ha infatti dichiarato che è necessario “un dibattito sociale con i cittadini tunisini, oltre ad elaborare un patto poiché la società civile deve prima essere preparata al cambiamento”. Un provvedimento che, con ogni probabilità, non avverrà in tempi brevi.

Condividi

Articoli recenti

«Vai via lesbica!»: lesbofobia ai danni di un’infermiera nel lecchese

Scritte lesbofobe sull'armadietto di un'infermiera lesbica a Lecco. Intervengono i sindacati e le associazioni

15 ottobre 2019

Il campione olimpico Kerron Clement ha fatto coming out

Nel 2016, alle Olimpiadi di Rio, ha vinto l’oro negli ostacoli. Oggi Kerron Clement ha deciso di venire allo scoperto.…

15 ottobre 2019

Secondo l’Oms le persone Lgbtq+ sono tra le più a rischio suicidio

Per la giornata mondiale della salute mentale l'Oms ha pubblicato i dati sul suicidio. Le persone Lgbtq+ tra quelle più…

15 ottobre 2019

Marche, la Lega accusa il progetto della Regione di proporre il “gender” a scuola

Il progetto si chiamerà "W l'amore", ma la Lega e l'Udc annunciano battaglia. L'assessora regionale si dissocia.

14 ottobre 2019

“Super trans”, ma è una drag queen: dopo le polemiche, Arcigay si scusa per la campagna

Per la giornata mondiale del coming out Arcigay pubblica una campagna, ma fioccano le polemiche. Oggi arrivano le scuse.

14 ottobre 2019

Alessia e Davide, storica sentenza: il matrimonio di due persone trans è stato trascritto

Alessia e Davide si erano sposati prima della transizione di entrambi, nel 2016. Ora il tribunale di Grosseto ha ordinato…

14 ottobre 2019