Categorie: News

Toscana Pride? “Danneggia il commercio nel giorno dei saldi”. L’affondo di Confesercenti

La rivendicazione di diritti e doveri da parte delle persone Lgbtqi+ danneggia anche i saldi.

“Non ci hanno consultato”

La notizia arriva dopo l’ammonimento del sindaco di Pisa che ieri si augurava un Pride “civile e ordinato”. A dichiarare gli effetti nefasti che avrebbe il Pride sul commercio non è un’associazione anti-lgbt ma Luigi Micheletti, presidente area pisana di Confesercenti Toscana Nord,  che in una nota esprime “perplessità” sulla scelta della data e del percorso del Toscana Pride.
“Purtroppo ci risiamo. L’ennesima manifestazione che bloccherà il centro cittadino e per la quale è stato scelto il sabato pomeriggio. Tra l’altro quello del 6 luglio segna il via ufficiale ai saldi estivi. Tutto questo senza minimamente porsi il problema di consultare le associazioni di categoria”.

“Sostegno nel merito non nella forma”

Micheletti tuttavia precisa che i contenuti della sfilata, rispetto ad esempio alle polemiche dello scorso maggio per la manifestazione antiproibizionista denominata Canapisa, sono “da parte nostra totalmente condivisibile e trovano il pieno sostegno nel merito, pero’ non nella forma” perché “un corteo con oltre 10mila partecipanti attesi di fatto renderà inaccessibile il centro commerciale della città, e non favorirà l’accesso alle attività commerciali nel primo giorno di saldi estivi”.

L’adesione di 80 esercenti al Pride “non basta”

Eppure da anni le adesioni dei commercianti a Pride crescono a dismisura, tutto fuorché un danno per la categoria. Proprio secondo gli organizzatori del Toscana Pride sono oltre 80 ad aver aderito alla manifestazione tra alberghi, B&b e negozi. Questo non basta. Per Micheletti è una questione di mancanza di dialogo con prefettura e questura: “La scelta di date, orari e percorsi di manifestazioni o cortei non vedono mai coinvolte le associazioni di categoria. I commercianti, insomma, vengono a conoscenza di provvedimenti che incidono sulle proprie attività dai giornali”.

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019