Categorie: Aiuto il gender!

Ronaldo ha lo smalto ai piedi e parte la macchina del sessismo mediatico

La Gazzetta dello Sport ha dato il meglio di sé ieri. Cristiano Ronaldo, calciatore del Real Madrid considerato tra i più forti al mondo, da sempre viene preso di mira per la sua presunta omosessualità. La Gazzetta ha ben pensato di fornire agli autori degli attacchi materiale utile per proseguire, pubblicando delle recenti foto di Ronaldo in piscina a Miami con lo smalto nero ai piedi. Titolo della galleria fotografica: “Ronaldo, così te le cerchi”. Cosa si starebbe esattamente cercando Ronaldo?

Negli stadi gli hanno urlato di tutto, anche il classico “maricón” (l’equivalente spagnolo del nostro “frocio”). Una pratica non estranea ai campi di calcio, a dire il vero, anche a queli italiani. Basti pensare a ciò che Roberto Mancini si è beccato per quella difesa (apparsa poi alquanto opportunistica) della causa LGBT. Chiaro che un determinato tipo di affermazioni ce le si aspetta solo dalla componente più becera e ignorante delle tifoserie, non certo dal principale giornale sportivo italiano. Il sessismo dello smalto nero associato all’omosessualità fa da sfondo a quello che diventa un invito pubblico allo scherno nei confronti di Ronaldo.

La Gazzetta nella didascalia della gallery dice: “Cristiano Ronaldo fa discutere anche in vacanza. Come spesso accade, oltre alle prestazioni sul campo finiscono sotto i riflettori anche quelle fuori dal campo”. Purtroppo le prestazioni fuori dal campo da riferire non sono le qualità umane dei calciatori, ma i rumors più fastidiosi sulla loro vita privata. Il tutto condito da forme comunicative che ben si sposano con un determinato tipo di target dal quale però, saltuariamente, i giornali sportivi prendono le distanze: gli ultras. A quanto pare però il tentativo di provocare esternazioni omofobe e sessiste nei lettori e nelle lettrici è fallito miseramente. I commentatori e le commentatrici dal mondo del web hanno espresso, oltre che la solidarietà nei confronti del campione, l’indignazione profonda per le istigazioni pericolose derivanti da certe “inchieste giornalistiche”, come si vede negli screenshot.

Cristiano Ronaldo fuori dal campo è anche un benefattore, ma evidentemente i suoi gusti in merito alla colorazione delle unghie sovrastano qualsiasi altro tipo di informazione da veicolare.
Il Giornale si spinge oltre e  titola: “Cristiano Ronaldo è gay: ecco la prova che lo inchioda”, attribuendo questa deduzione agli utenti commentatori. Spiace dover contraddire anche oggi la testata di Alessandro Sallusti, ma la costruzione circa l’orientamento sessuale di CR7 è tutta mediatica. Infine, se l’uso di cosmetici è indicatore dell’orientamento sessuale di una persona, cosa dovremmo pensare della quantità smodata di fondotinta usata da Berlusconi?

Condividi

Articoli recenti

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019

Mes, arriva la battuta omofoba dai leghisti durante il dibattito in aula

La Lega recupera il termine medievale "sodomia" durante il dibattito alla Camera sul Mes.

11 dicembre 2019

Marta Cartabia, la prima presidente della Corte Costituzionale. Ma non è un’alleata

Questa mattina, mercoledì 11 dicembre, si è celebrata una elezione storica: Marta Cartabia è la nuova presidente della Corte Costituzionale.…

11 dicembre 2019

Non binary: per il Merriam-Webster il termine “they” è la parola dell’anno

La lingua cambia velocemente e succede anche all'inglese: ecco le importanti novità sull'uso dei pronomi.

11 dicembre 2019