Categorie: Storie

“Sono una delle bambine messe alla gogna da Panorama ed ho qualcosa da dirvi”

L’articolo pubblicato da Panorama sui bambini e le bambine trans ha suscitato molte polemiche nella comunità trans e lgbt in generale per il modo con cui affronta il tema, pietistico e patologizzante. Molte sono state le risposte, in questi giorni, di chi si è sentito sotto attacco.
Abbiamo scelto, col consenso dell’autrice, di pubblicare la risposta che Cristina Leo, psicologa e portavoce del Coordinamento Lazio Trans ha scritto su Facebook. Eccola.

La copertina di Panorama

Quell’articolo che ferisce

“Sono una delle bambine messe alla gogna dall’articolo di Terry Marocco su Panorama e di Maurizio Belpietro su La Verità, rivista e quotidiano dei quali lo stesso Belpietro è direttore. Non sono fra le persone intervistate da Panorama, ma questo non significa che quell’articolo non abbia ferito anche me, sia perché ha danneggiato persone a me care, sia perché ha procurato dolore a molt@ bambin@ e adolescenti trans e alle loro famiglie. Con un gioco di parole, potremmo dire che affacciandoci su Panorama La verità è alquanto lontana.

Informatevi

Non chiedo che mi vengano fatte le scuse da parte di persone obnubilate dall’inesistente Teoria del Gender. Chiedo però che le stesse si informino su cosa significhi realmente essere delle bambine e dei bambini transgender prima, e degli adulti poi, su cosa significhi crescere in una società in cui, in un modo o nell’altro, ti viene comunicato che tu non dovresti esistere e che sei un “imprevisto”, difficile da gestire per la logica binaria maschio/femmina, sulla quale è strutturata tutta la società italiana.

Una realtà complessa e varia

La foto di se stessa da piccola pubblicata da Cristina Leo

Se da bambin@ il problema può essere in che bagno andare, da adulti diventa in quale registro votare, o in quale reparto essere ricoverat@. Ovviamente, questo non vale per tutte le persone trans adulte, ma per quelle maggiormente discriminate quelle non binary che scelgono di non completare il percorso di transizione e per quelle che non hanno avuto la rettifica anagrafica. In sintesi, dico a questi sedicenti giornalisti, che la realtà transgender è talmente complessa e varia, che o si è in grado di parlarne seriamente, o è meglio dedicarsi ad altro.

Le foto chiedetele agli adulti

E vorrei ancora aggiungere. Se avete bisogno di foto di bambin@ trans, chiedetele a noi, che siamo adult@, c’è solo il rischio che possiate restare inebetiti davanti a tanta “normalità” e senza parole davanti alle nostre storie. Per questo, corredo questo post di una mia foto da piccol@. Giù le mani dalle nostre bambine e dai nostri bambini, dalle nostre figlie e dai nostri figli. Che siano cisgender o transgender, con le/I bambini non si scherza. Se tocchi un@ di noi, tocchi tutt@.

P.S. Inviterei tutte le persone trans e non, che leggono questo testo a copiarlo sulla propria bacheca, insieme ad una foto della loro infanzia. E chi non può farlo a condividere comunque il mio testo. L’ unione fa la forza. Grazie”.

Cristina Leo, Portavoce del Coordinamento Lazio Trans

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019