Categorie: NewsOnda Pride

Onda Pride 2017: le foto da Brescia, Torino e Varese

L’Onda Pride continua tra musica e bandiere arcobaleno. Dopo Arezzo, Potenza, Reggio Emilia, Pavia, Roma e Udine, oggi è stata la volta di Brescia, Torino e Varese.

Buona la prima per il Brescia Pride: il corteo, capitanato dalla madrina Vladimir Luxuria, ha visto scendere in piazza 5000 persone. Assenti sindaco e Provincia: hanno patrocinato gli eventi culturali dei giorni precedenti ma non la parata Brescia Pride, dove hanno comunque preso parte alcuni consiglieri comunali e assessori.

Più di 2000 persone per la seconda edizione del Varese Pride. Fra le voci più significative, quella di Stuart Milk, nipote di Harvey Milk -primo Gay dichiarato nell’amministrazione statunitense, assassinato nel 1978-: questa è «una lotta per i diritti umani» ha dichiarato sul palco.

Grande affluenza a Torino: quest’anno il navigato pride piemontese ha visto sfilare ben 80.000 persone. Ad aprire la parata, la banda della Polizia Municipale, già in passato orgoglioso sostegno della manifestazione. Tanti gli esponenti politici del territorio che hanno marciato con il manifesto del coordinamento pride “A corpo libero”.
Assente, invece, la sindaca Appendino. In sua rappresentanza, Marco Giusta: “Poco fa -ha spiegato l’assessore- abbiamo saputo che c’è stata la cremazione di Erika [Pioletti], la ragazza morta durante gli incidenti in piazza San Carlo e la sindaca sta seguendo le pratiche assieme alla famiglia”. In ricordo di Erika, il corteo ha rispettato un minuto di silenzio attraversando il luogo della tragedia.

Condividi

Articoli recenti

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È…

13 dicembre 2019

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le…

13 dicembre 2019

Aveva raccontato le terapie riparative: donna lesbica trovata senza vita

Prime le terapie riparative, poi il ricovero per autolesionismo. Alan Chen aveva raccontato la sua storia al Denver Post ad…

13 dicembre 2019

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019