Categorie: News

Malta: il sì al matrimonio egualitario potrebbe arrivare entro la settimana

Malta potrebbe essere il prossimo paese a introdurre il matrimonio egualitario. Dopo il voto in Germania di qualche giorno fa, ora sarebbe il turno di Malta che già da due anni è in cima alla classifica che ogni anno ILGA Europe stila in occasione della Giornata mondiale contro l’omotransfobia. Primo stato a introdurre il divieto alle terapie riparative, in termini di diritti civili delle persone LGBT la piccola isola, spesso al centro delle polemiche per il rifiuto di soccorrere i barconi dei migranti, ha fatto passi da gigante. La discussione sulla legge è iniziata la settimana scorsa e il voto potrebbe arrivare entro pochi giorni. Tutti gli osservatori, tra cui Human Rights Watch confidano in un voto favorevole di un’ampia maggioranza, dato che tutti i partiti in campagna elettorale hanno dichiarato di essere favorevoli.

La promessa del premier e le critiche dell’opposizione

“Malta vuole mantenere la guida sulle questioni LGBT e le libertà civili – ha dichiarato alla BBC il premier Joseph Muscat – per essere da modello per il resto del mondo”. La legge consentirebbe alle coppie dello stesso sesso anche di adottare bambini nati fuori dalla coppia.

Come ricorda la BBC, dopo la sua clamorosa vittoria alle elezioni, Muscat dichiarò che il primo disegno di legge che sarebbe stato discusso in parlamento sarebbe stato il Marriage Equality Bill. E alla legge è arrivato anche il supporto del leader del partito di centro destra, Simon Busuttil, capo del Partito Nazionalista attualmente all’opposizione. Ma il suo partito ha criticato alcune parti della riforma. Il capogruppo David Agius ha protestato in aula: “Da ora in avanti non si potranno chiamare i propri genitori ‘mamma’ e ‘papà’ perché non è nella legge. E invece della Festa della Mamma celebreremo la ‘Festa di chi ha partorito’?”.

Il no della chiesa

Contrario il fronte cattolico secondo cui aprire al matrimonio egualitario significa porre le basi per permettere la donazione di sperma e la gestazione per altri. “Non siamo contro i gay – ha dichiarato l’arcivescovo di Malta Charles Scicluna -, ma non c’è bisogno di cambiare il modo in cui Dio ha creato il matrimonio per fare in modo che due uomini o due donne possano sposarsi”.
L’alto prelato ha anche attaccato la parte della legge che punta a sostituire le diciture “marito e moglie” e “madre e padre” definendola “deplorevole”.
La discussione sulla legge è iniziata la settimana scorsa e il voto potrebbe arrivare entro pochi giorni.

Condividi

Articoli recenti

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È…

13 dicembre 2019

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le…

13 dicembre 2019

Aveva raccontato le terapie riparative: donna lesbica trovata senza vita

Prime le terapie riparative, poi il ricovero per autolesionismo. Alan Chen aveva raccontato la sua storia al Denver Post ad…

13 dicembre 2019

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019