Categorie: News

League One, insulti omofobi al portiere: tifoso arrestato durante il match

Mentre in Italia, a ogni turno di campionato, si disquisisce se i cori e i “bu” razzisti ci siano stati o meno, in Gran Bretagna suona tutta un’altra musica. Dopo le segnalazioni di cori omofobi da parte Ryan Allsop, portiere dei Wycombe Wanderers, le forze dell’ordine e l’arbitro sono intervenuti. E l’omofobo è stato arrestato.

GLI INSULTI DURANTE IL MATCH

L’episodio è successo durante una partita di Ligue One, il corrispettivo britannico della nostra serie b, tra i Wycombe Wanderers – compagine nelle cui fila gioca il protagonista di questa vicenda Ryan Allsop – e i Tranmere Rovers. E proprio un tifoso della squadre dei Rovers ha rivolto per tutto il primo tempo insulti omofobi ai danni dell’estremo difensore dei Wonderers Ryan Allsop. Il portiere ha approfittato dell’intervallo per segnalare l’ultras omofobo sia all’arbitro sia alla polizia de Merseyde. Poco prima che le due squadre tornassero in campo, l’ultras è stato arrestato.

«NESSUNO SPAZIO PER L’ODIO»

La Gran Bretagna ha da tempo fatto i conti con la violenza nei propri stadi. Le violenze degli ultras britannici, i così detti hooligans, sono ormai limitate a qualche “bravata” estera. A parlare, subito dopo l’accaduto, è stato l’ispettore capo della polizia di Merseyside Jason Crellin: «Siamo grati al giocatore, alle squadre e allo staff dell’impianto per essere intervenuti e aver segnalato immediatamente questi episodi di violenza. Voglio anche rassicurare loro, tutti i presenti e gli spettatori in televisione che lavoreremo a fianco di entrambi i club e le autorità per indagare a fondo sulle accuse. L’odio non deve trovare posto nelle nostre comunità e, soprattutto, in occasione di un evento sportivo trasmesso in tv».
La Federcalcio d’oltre Manica per ora attende: dopo aver letto il referto arbitrale e la sua relazione sull’episodio, deciderà se prendere provvedimenti.

La squadra dell’ultras omofobo ha comunque persone per 2-0.

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019