Nasce il comitato referendario per abolire le unioni civili

C’erano Giovanardi, Quagliariello, Malan, Roccella, Gasparri, Centinaio, Palmieri, Molteni solo per citarne alcuni, nella conferenza stampa che si è appena conclusa alla Camera in cui un neonato comitato referendario pronto a portare al voto popolare la legge sulle unioni civili votata meno di 24 ore fa. C’erano, per essere precisi, parlamentari di Forza Italia, Idea, Lega Nord, Conservatori e Riformisti, Italia Unica e Democrazia Solidale – Centro Democratico.

Tra i punti più contestati c’è quella riga, contenuta nel comma 20 della legge, miracolosamente sopravvissuta allo stralcio delle stepchild adoption e che recita: “Resta fermo quanto previsto e consentito in materia di adozione dalle norme vigenti”. Un modo per non legare le mani ai giudici e permettere che continuino a pronunciarsi a favore della genitorialità delle coppie omosessuali avendo come guida “il superiore interesse del minore”, com’è stato finora.
E poi ci sono quei passaggi che, secondo i promotori, rendono le unioni civili un “simil matrimonio”.

“Qui c’è il centrodestra con una ritrovata unione” hanno sottolineato i parlamentari presenti.
“Il comitato è aperto a quei parlamentari del PD che non erano presenti al voto o che hanno votato tra mille mal di pancia e a quei parlamentari del M5S” ha aggiunto Palmieri in ciusura di conferenza stampa.
“Io auspico che il referendum ci sia – aveva dichiarato già questa mattina a SkyTG24 Monica Cirinnà, relatrice della legge al Senato -, perché noi lo vinceremo e sarà soprattutto il viatico per arrivare presto e bene all’uguaglianza piena”.
Ma in attesa di un referendum, qualche minuto dopo l’approvazione della legge, era stato Matteo Salvini a rivolgersi ai sindaci della Lega invitandoli a rifiutarsi di celebrare le unioni civili. Una posizione già presa dal candidato a sindaco di Roma Alfio Marchini e che non è permessa dalla legge. Il testo, infatti, non prevede la possibilità di appellarsi all’obiezione di coscienza e non celebrare unioni civili potrebbe configurare il reato di “omissione e rifiuto di atti d’ufficio”.

Condividi

Articoli recenti

Gambiano ottiene lo status di rifugiato perché gay

Ha ottenuto lo status di rifugiato grazie alla sentenza della Corte d'Appello di Trieste secondo cui non è necessario che…

20 agosto 2019 12:29 PM

Eternals, Richard Madden sarà il primo super eroe gay della Marvel

Il film arriverà nelle sale solo a novembre del 2020, ma arrivano le prime indiscrezioni sul cast.

19 agosto 2019 5:30 PM

Mounir Baatour, il sondaggio: il candidato gay in Tunisia fa pieno di voti tra i giovani

Voteresti un candidato gay? La società tunisina sta evolvendo velocemente. Un sondaggio ce lo rivela.

19 agosto 2019 3:19 PM

Trump vuole legalizzare il licenziamento delle persone trans

L'amministrazione Trump ha chiesto alla Corte Suprema di esprimersi sulla possibilità di licenziare le persone trans in quanto tali.

18 agosto 2019 12:02 PM

In cucina con l’arcobaleno, ricetta “in viola”: granita siciliana di gelsi

Concludiamo oggi il nostro breve ricettario arcobaleno. Con una specialità siciliana.

17 agosto 2019 9:30 AM

Salento, omotransfobia alla vigilia del pride: “Froci e trans andate nei vostri posti”

Il buttafuori di un noto lido di Gallipoli si sarebbe rivolto così ad un gruppo di persone in città per…

16 agosto 2019 6:08 PM