Nasce il comitato referendario per abolire le unioni civili

C’erano Giovanardi, Quagliariello, Malan, Roccella, Gasparri, Centinaio, Palmieri, Molteni solo per citarne alcuni, nella conferenza stampa che si è appena conclusa alla Camera in cui un neonato comitato referendario pronto a portare al voto popolare la legge sulle unioni civili votata meno di 24 ore fa. C’erano, per essere precisi, parlamentari di Forza Italia, Idea, Lega Nord, Conservatori e Riformisti, Italia Unica e Democrazia Solidale – Centro Democratico.

Tra i punti più contestati c’è quella riga, contenuta nel comma 20 della legge, miracolosamente sopravvissuta allo stralcio delle stepchild adoption e che recita: “Resta fermo quanto previsto e consentito in materia di adozione dalle norme vigenti”. Un modo per non legare le mani ai giudici e permettere che continuino a pronunciarsi a favore della genitorialità delle coppie omosessuali avendo come guida “il superiore interesse del minore”, com’è stato finora.
E poi ci sono quei passaggi che, secondo i promotori, rendono le unioni civili un “simil matrimonio”.

“Qui c’è il centrodestra con una ritrovata unione” hanno sottolineato i parlamentari presenti.
“Il comitato è aperto a quei parlamentari del PD che non erano presenti al voto o che hanno votato tra mille mal di pancia e a quei parlamentari del M5S” ha aggiunto Palmieri in ciusura di conferenza stampa.
“Io auspico che il referendum ci sia – aveva dichiarato già questa mattina a SkyTG24 Monica Cirinnà, relatrice della legge al Senato -, perché noi lo vinceremo e sarà soprattutto il viatico per arrivare presto e bene all’uguaglianza piena”.
Ma in attesa di un referendum, qualche minuto dopo l’approvazione della legge, era stato Matteo Salvini a rivolgersi ai sindaci della Lega invitandoli a rifiutarsi di celebrare le unioni civili. Una posizione già presa dal candidato a sindaco di Roma Alfio Marchini e che non è permessa dalla legge. Il testo, infatti, non prevede la possibilità di appellarsi all’obiezione di coscienza e non celebrare unioni civili potrebbe configurare il reato di “omissione e rifiuto di atti d’ufficio”.

Condividi

Articoli recenti

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019

Mes, arriva la battuta omofoba dai leghisti durante il dibattito in aula

La Lega recupera il termine medievale "sodomia" durante il dibattito alla Camera sul Mes.

11 dicembre 2019

Marta Cartabia, la prima presidente della Corte Costituzionale. Ma non è un’alleata

Questa mattina, mercoledì 11 dicembre, si è celebrata una elezione storica: Marta Cartabia è la nuova presidente della Corte Costituzionale.…

11 dicembre 2019

Non binary: per il Merriam-Webster il termine “they” è la parola dell’anno

La lingua cambia velocemente e succede anche all'inglese: ecco le importanti novità sull'uso dei pronomi.

11 dicembre 2019