Categorie: News

Shock in Francia: arriva lo spyware per scoprire se tuo figlio è gay

Arriva dalla Francia una notizia che farà molto discutere: l’azienda Fireworld ha infatti prodotto uno spyware che permette ai genitori di spiare i propri figli per scoprirne l’eventuale omosessualità. L’operazione è stata definita, dalla stampa francese, «azzardata, moralmente riprovevole e soprattutto illegale». Ma non solo: per pubblicizzare la vendita del software, l’azienda avrebbe utilizzato cliché e linguaggio fortemente omofobici.

Violazione della privacy

Schermata del sito, con gli indicatori di omosessualità

La prima accusa che si può fare all’operazione in corso è quella di violazione del diritto alla privacy. Con questo programma, infatti, si possono controllare a distanza i computer, registrare le sequenze di tasti e le password, attivare la webcam e fare registrazioni audio, ecc. Tutto questo a prezzi che variano dai cinquantacinque ai centocinquantacinque euro. Fatto non nuovo, per Fireworld, che ha progettato spyware similari per scoprire se “la moglie ti tradisce” o per spiare i propri dipendenti. Azioni, queste, che però nello Stato francese sono considerate illegali.

Cliché omofobici

Un secondo aspetto problematico è quello della pubblicità al prodotto, condotta attraverso il richiamo a stereotipi e a un linguaggio che rasentano – per usare un eufemismo – una profonda omofobia linguistica. Sulla pagina web “”Savoir si mon fils est gay” (Sapere se mio figlio è gay), poi cancellata, si suggeriscono una serie di indicatori di omosessualità: seguire cantanti che piacciono alla comunità Lgbt, non seguire il calcio, non vedere mai i propri figli (maschi) insieme ad una ragazza, ecc. Di fronte a questi sospetti, c’è un modo sicuro «per scoprire la verità»: ovvero, il loro software a pagamento.

Le reazioni politiche e le giustificazioni del sito

Indicazioni per hackerare un profilo su Facebook

Il sito web ha tentato, dal canto suo, di giustificarsi facendo ricadere la responsabilità su un collaboratore esterno, che avrebbe scritto i contenuti della promozione: «Questo articolo» dichiara la Fireworld «non riflette le idee dell’azienda». Il misterioso collaboratore, si legge ancora, verrà contattato al ritorno dal periodo di ferie, che avverrà intorno il 27 agosto. Nel frattempo si registrano le reazioni contrarie da parte della politica. La Segretaria di Stato per l’uguaglianza di genere, Marlène Schiappa, ha scritto un tweeting cui denuncia l’omofobia e il sessismo, oltre che la persistenza degli stereotipi del genere, che stanno in operazioni commerciali come questa.

Condividi

Articoli recenti

«Vai via lesbica!»: lesbofobia ai danni di un’infermiera nel lecchese

Scritte lesbofobe sull'armadietto di un'infermiera lesbica a Lecco. Intervengono i sindacati e le associazioni

15 ottobre 2019

Il campione olimpico Kerron Clement ha fatto coming out

Nel 2016, alle Olimpiadi di Rio, ha vinto l’oro negli ostacoli. Oggi Kerron Clement ha deciso di venire allo scoperto.…

15 ottobre 2019

Secondo l’Oms le persone Lgbtq+ sono tra le più a rischio suicidio

Per la giornata mondiale della salute mentale l'Oms ha pubblicato i dati sul suicidio. Le persone Lgbtq+ tra quelle più…

15 ottobre 2019

Marche, la Lega accusa il progetto della Regione di proporre il “gender” a scuola

Il progetto si chiamerà "W l'amore", ma la Lega e l'Udc annunciano battaglia. L'assessora regionale si dissocia.

14 ottobre 2019

“Super trans”, ma è una drag queen: dopo le polemiche, Arcigay si scusa per la campagna

Per la giornata mondiale del coming out Arcigay pubblica una campagna, ma fioccano le polemiche. Oggi arrivano le scuse.

14 ottobre 2019

Alessia e Davide, storica sentenza: il matrimonio di due persone trans è stato trascritto

Alessia e Davide si erano sposati prima della transizione di entrambi, nel 2016. Ora il tribunale di Grosseto ha ordinato…

14 ottobre 2019