Categorie: News

Florida, eseguita la condanna a morte del “serial killer dei gay”

Era diventato noto come “il serial killer dei gay”. Gary Ray Bowles, 57 anni, è stato giustiziato questa mattina in un carcere della Florida, negli Usa.
Lui stesso si era dichiarato colpevole dell’uccisione di sei uomini, nel 1994, ma solo per tre di questi è stato condannato. Gli omicidi, avvenuti tutti nel 1994, si sono consumati lungo la East Coast degli Usa, dalla Florida al Maryland. La maggior parte delle vittime era stata trovata lungo la strada Interstatale 95, per questo era stato soprannominato anche “l’assassino I-95”.

Nato 57 anni fa nella Virginia dell’Ovest, secondo quanto riporta l’agenzia ADNkronos, proveniva da una famiglia violenta e si prostituiva per uomini gay. Aveva scontato due condanne in carcere per furto, rapina, aggressione e stupro. Poi, nel 1993, si era trasferito a Daytona Beach. E’ stato arrestato a Jacksonville dove viveva sotto falsa identità. La condanna a morte è arrivata dopo essere stato riconosciuto colpevole dell’uccisione di Walter Hinton, 47 anni. Ma Gary Ray Bowles si era anche dichiarato colpevole degli omicidi di John Hardy Roberts, 59 anni, e Albert Alcie Morris, 37.

Condividi

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020