Categorie: News

Cynthia Nixon, la Miranda di Sex and the city, si candida a governare New York

Cynthia Nixon, la Miranda di “Sex and the city” ha annunciato la sua candidatura a governatrice dello stato di New York. In corsa con i Democratici, sfiderà alle primarie l’uscente Andrew Cuomo, al terzo mandato. Nixon potrebbe diventare la prima donna, ma anche la prima lesbica, a ricoprire questo ruolo.
L’annuncio è arrivato dalla stessa Nixon ieri via Twitter, ma le indiscrezioni sulla sua possibile candidatura si susseguono da agosto scorso.

New York è casa mia

L’attrice è da tempo impegnata come attivista politica per i diritti delle persone LGBT, ma anche per le politiche riproduttive per le donne e per l’istruzione pubblica dei giovani.
“New York è casa mia – ha dichiarato Nixon in un video pubblicato sul suo account Twitter -. Non ho mai vissuto in un altro posto. Quando sono nata, eravamo solo io e mia madre in un monolocale al quinto piano”.
L’attrice vive ancora a New York con la moglie, Christine Marinoni e i figli.

Il video su Twitter

“Anni di corruzione e malfunzionamenti”

“I nostri leader ci stanno deludendo – continua -. Siamo lo Stato con più disuguaglianze del Paese, con una povertà estrema e allo stesso tempo una ricchezza estrema”.
Nel video si vede Nixon parlare durante diversi eventi politici e sul suo sito ammette di avere votato Cuomo, in passato. Poi però spiega che gli otto anni sotto l’amministrazione Cuomo “sono stati un esercizio di vita con disappunto, disonestà e disfunzioni”.
Cosa intende fare se eletta?

Istruzione pubblica e sanità accessibili

Tra le altre cose, l’attrice parla di finanziamenti completi alle scuole pubbliche, di sanità accessibile e a basso costo, di approvare il Dream Act per far diventare New York uno stato rifugio e molto altro. Inutile dire che la sua campagna elettorale comincia esplicitamente contro le politiche di Trump.
“Insieme possiamo mostrare a tutto il Paese e al mondo che nell’era di Donald Trump i newyorchesi guideranno la nostra nazione verso il futuro. Mi candido a governatrice perché rivogliamo indietro il nostro Stato”.
A Nixon è già arrivato il supporto del mondo dello spettacolo.

Da Hollywood alla politica: i precedenti

Non è la prima volta che una persona che viene dal cinema o dalla TV passa alla politica e a ruoli presidenziali. I casi più noti ed eclatanti sono Ronald Regan, divenuto presidente degli Usa dopo una carriera di attore, e Arnold Schwarzenegger, la cui storia cinematografica è nota e che fu eletto governatore della California nel 2003. Nixon, però,, sarebbe la prima donna lesbica a governare uno stato degli Usa.

Condividi

Articoli recenti

Gambiano ottiene lo status di rifugiato perché gay

Ha ottenuto lo status di rifugiato grazie alla sentenza della Corte d'Appello di Trieste secondo cui non è necessario che…

20 agosto 2019 12:29 PM

Eternals, Richard Madden sarà il primo super eroe gay della Marvel

Il film arriverà nelle sale solo a novembre del 2020, ma arrivano le prime indiscrezioni sul cast.

19 agosto 2019 5:30 PM

Mounir Baatour, il sondaggio: il candidato gay in Tunisia fa pieno di voti tra i giovani

Voteresti un candidato gay? La società tunisina sta evolvendo velocemente. Un sondaggio ce lo rivela.

19 agosto 2019 3:19 PM

Trump vuole legalizzare il licenziamento delle persone trans

L'amministrazione Trump ha chiesto alla Corte Suprema di esprimersi sulla possibilità di licenziare le persone trans in quanto tali.

18 agosto 2019 12:02 PM

In cucina con l’arcobaleno, ricetta “in viola”: granita siciliana di gelsi

Concludiamo oggi il nostro breve ricettario arcobaleno. Con una specialità siciliana.

17 agosto 2019 9:30 AM

Salento, omotransfobia alla vigilia del pride: “Froci e trans andate nei vostri posti”

Il buttafuori di un noto lido di Gallipoli si sarebbe rivolto così ad un gruppo di persone in città per…

16 agosto 2019 6:08 PM