Categorie: News

Le coppie omosessuali sposate devono potersi ricongiungere in tutti gli stati Ue: l’ha detto l’avvocato generale della Corte di Giustizia

Uno stato dell’Unione Europea non può impedire il ricongiungimento familiare di una coppia dello stesso sesso che si è sposata altrove, anche se sul proprio territorio il matrimonio egualitario non è permesso. In sostanza, se un omosessuale polacco sposa in Francia un cittadino marocchino, la Polonia non può impedire alla coppia di ricongiungersi sul proprio territorio. Questo non significa che lo stato in questione debba legalizzare il matrimonio egualitario, ma deve riconoscere ai propri cittadini la libertà di soggiorno garantendo il ricongiungimento familiare con i coniugi.

Nessun obbligo di riconoscere il matrimonio

E’ il parere espresso dall’avvocato generale della Corte di giustizia dell’Ue, Melchior Wathelet e di cui la Corte stessa potrà tenere conto quando sarà chiamata ad esprimersi su un caso del genere.
Com’è noto, il matrimonio è una materia che i singoli stati dell’Ue sono liberi di disciplinare come credono, ma questa interpretazione del principio di libertà di circolazione e di soggiorno, riconosciuti da tutti gli stati membri, va nella direzione di una tutela maggiore nei confronti delle coppie di persone dello stesso sesso sposate.

Non si può ostacolare il diritto di soggiorno

Secondo quanto riporta La Stampa, l’avvocato Wathelet ha spiegato che i paesi che non riconoscono il matrimonio egualitario “non possono ostacolare la libertà di soggiorno di un cittadino dell’Unione rifiutando di concedere al suo coniuge dello stesso sesso, cittadino di uno Stato non Ue, un diritto di soggiorno”.

“Coniuge” non è relativo all’orientamento sessuale

Le regole sulla libertà di circolazione e soggiorno dei cittadini dell’Unione Europea sono condivise da tutti gli stati membri e quindi tutti devono rispettarle, anche in riguardo alle coppie dello stesso sesso sposate. L’avvocato sottolinea anche che il concetto di “coniuge” non ha un’interpretazione specifica rispetto all’orientamento sessuale. L’opinione di Wathelet è che anche una politica che punti alla tutela della cosiddetta famiglia tradizionale non può giustificare una discriminazione nei confronti delle persone omosessuali sposate.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020