Categorie: NewsOnda Pride

Che fine ha fatto l’arcobaleno della metro di Porta Venezia?

Era diventato un simbolo di una città accogliente, inclusiva e aperta. Ma da giovedì scorso l’arcobaleno che decorava la stazione della metro di Porta Venezia, a Milano, non c’è più.
Lo denuncia il Milano Pride dalla sua pagina Facebook.
Interpellata, l’azienda dei trasporti pubblici milanesi ha risposto che è stato sostituito da una “installazione pubblicitaria temporanea che non prevede la rimozione dell’arcobaleno”. Venerdì ATM correggeva il tiro con un secondo tweet: “Dobbiamo scusarci e correggere l’informazione di ieri. L’arcobaleno nella stazione di P.ta Venezia verrà rimosso per dare spazio ad un nuovo progetto commerciale che rivitalizzerà la stazione e il quartiere. Durerà 3 mesi e poi lo rimetteremo, lì o altrove”.

La risposta di ATM via Twitter

Una risposta che al Milano Pride non è parsa sufficiente.

L’appello del Milano Pride

“Non possiamo accettare un “Tornerà lì o altrove” da ATM – scrivono gli attivisti milanesi su Facebook -. La fermata arcobaleno di Porta Venezia è diventata in questi mesi un simbolo importante non solo per la comunità LGBT+ e per il quartiere ma per tutta la città di Milano, in un momento in cui il Paese è sempre più attraversato da discorsi di odio verso il “diverso”. Facciamo quindi appello a ATM, al Comune di Milano e al sindaco Beppe Sala affinché l’arcobaleno torni a splendere nella fermata della metropolitana di Porta Venezia in occasione della giornata mondiale contro l’omo-transfobia, il prossimo 17 maggio, e in vista del Milano Pride, il 29 giugno”.

Cirinnà: “L’arcobaleno non può essere oscurato”

All’appello delle associazioni milanesi si è unita la senatrice Monica Cirinnà che attraverso i suoi canali social ha diffuso un appello in un video:

Al momento, nessuna ulteriore risposta da Sala o da ATM.
La fermata della metro di Porta Venezia era rimasta con i colori della bandiera LGBT dopo l’ultimo pride di Milano, lo scorso 30 giugno. La decisione era stata presa dal sindaco Sala e accolta dall’azienda, con il plauso del Milano Pride e della comunità lgbt del capoluogo lombardo.

Condividi

Articoli recenti

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019

Mes, arriva la battuta omofoba dai leghisti durante il dibattito in aula

La Lega recupera il termine medievale "sodomia" durante il dibattito alla Camera sul Mes.

11 dicembre 2019

Marta Cartabia, la prima presidente della Corte Costituzionale. Ma non è un’alleata

Questa mattina, mercoledì 11 dicembre, si è celebrata una elezione storica: Marta Cartabia è la nuova presidente della Corte Costituzionale.…

11 dicembre 2019

Non binary: per il Merriam-Webster il termine “they” è la parola dell’anno

La lingua cambia velocemente e succede anche all'inglese: ecco le importanti novità sull'uso dei pronomi.

11 dicembre 2019