Categorie: News

Canada: approvata la legge che permette di indicare “X” come sesso sui documenti

Una nuova legge permetterà ai cittadini e alle cittadine canadesi di scegliere la “X” come indicazione del sesso sui documenti. Non più solo F o M, dunque. Una norma che viene incontro alle richieste di una fetta della popolazione canadese che da tempo reclamava questa possibilità per chi non si riconosce nella definizione binaria di maschio o femmina.

Il caso di Doty

Particolare scalpore aveva fatto il caso di Kori Doty, genitore trans non-binario che aveva chiesto di registrare il proprio figlio all’anagrafe senza indicarne il sesso. Al piccolo era stato rilasciato solo la tessera sanitaria con la lettera U (“undetermined” o “unassigned”).
La notizia della nuova legge è riportata dal sito del canale televisivo Cbc.

Un passo verso l’uguaglianza di tutti”

“Introducendo una X nella designazione del genere sui documenti – ha dichiarato il ministro dell’Immigrazione Ahmed Hussen -, facciamo un importante passo avanti verso l’eguaglianza di tutti i canadesi, a prescindere dalla loro identità o espressione di genere”.
La legge entrerà in vigore il prossimo 31 agosto data a partire dalla quale si potrà indicare il sesso “non specificato” in attesa che il governo stampi i nuovi documenti che prevedano l’opzione “X” insieme ad “M” e “F”.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020