Categorie: News

Aids: perché sono ancora troppo poche le sperimentazioni fatte sulle donne?

Pur essendo la metà dei 35 milioni di persone sieropositive nel mondo, sono ancora pochissime le donne che partecipano alle sperimentazioni di vaccini e terapie per l’hiv.
Sono solo l’11% dei partecipanti delle sperimentazioni di cure e il 19% di quelle per i farmaci antiretrovirali. Maggiore la loro presenza negli studi sui vaccini, dove sono il 38%. Ma ora, che si stanno esplorando nuove possibili terapie, il bisogno di arruolare donne è ancora maggiore, come sottolinea Amfar, ong americana di ricerca sull’Aids, sul New York Times.

“Nel lungo periodo le donne avanzano verso l’Aids”

“Se siamo sulla strada per trovare una cura, è importante che funzioni per tutti”, commenta Rowena Johnston, direttore per la ricerca di Amfar. La risposta all’infezione da Hiv è infatti diversa tra i due sessi. Il sistema immunitario femminile per esempio all’inizio risponde energicamente, mantenendo il virus sotto stretto controllo per 5-7 anni. Ma nel lungo periodo le donne avanzano più velocemente verso l’Aids, la fase conclamata della malattia, e sono più soggette a infarto e ictus. Finora il numero di uomini, soprattutto gay, nelle sperimentazioni sull’hiv ha sempre superato quello delle donne. Gli omosessuali hanno formato delle forti reti di supporto che avvisano i potenziali partecipanti di sperimentazioni cliniche. Le donne sieropositive invece tendono ad essere isolate e a non sostenersi l’una con l’altra. Nei rari casi in cui i ricercatori vanno oltre il limite per arruolare le donne, devono passare anche per il vaglio della Food and Drug Administration (Fda), l’agenzia che regola i farmaci. Così molti preferiscono far partecipare solo uomini, e raccogliere dati sulle donne dopo che il farmaco è sul mercato.

Il pregiudizio

E’ difficile che gli scienziati sentano il bisogno di arruolare donne – commenta Eileen Scully, dell’università Johns Hopkins – Alcuni rifiutano questo tipo di discussione perché la ritengono socialmente predeterminata, o come una sorta di liberazione della donna”. Scully ha coordinato l’unica sperimentazione di terapia che si e’ concentrata solo sulle donne. “E’ stata una delle sperimentazioni più veloce di sempre – conclude – Le donne sono pronte a partecipare”.

Condividi

Articoli recenti

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019

Mes, arriva la battuta omofoba dai leghisti durante il dibattito in aula

La Lega recupera il termine medievale "sodomia" durante il dibattito alla Camera sul Mes.

11 dicembre 2019

Marta Cartabia, la prima presidente della Corte Costituzionale. Ma non è un’alleata

Questa mattina, mercoledì 11 dicembre, si è celebrata una elezione storica: Marta Cartabia è la nuova presidente della Corte Costituzionale.…

11 dicembre 2019

Non binary: per il Merriam-Webster il termine “they” è la parola dell’anno

La lingua cambia velocemente e succede anche all'inglese: ecco le importanti novità sull'uso dei pronomi.

11 dicembre 2019